LA BIBBIA DEI CIRCUITI HIIT – Tutto Quello Che Devi Sapere x Non Commettere Errori

 

 

CIAO !

Sono Max, e questo articolo è stato spostato qui 😉

LA BIBBIA DEI CIRCUITI HIIT

A presto!

 

 

 

 

Annunci

14 pensieri su “LA BIBBIA DEI CIRCUITI HIIT – Tutto Quello Che Devi Sapere x Non Commettere Errori

  1. Ilaria

    Vorrei tanto te come personal trainer… Qui non c’è nessuno competente. Comunque bellissimo articolo, mi hai fatto capire tante cose.

    Mi piace

    Rispondi
  2. Ele

    Ciao!Sono una ragazza di 29 anni…pratico sport da sempre,peso circa 52 kg…non ho mai avuto grandi problemi,ma negli ultimi anni a causa anche di molte intolleranze e allergie alimentari,ho accumulato adipe e gonfiore addominale…sto seguendo un regime alimentare e mi alleno in palestra 2 volte sala pesi e due di allenamento funzionale intenso…qualche miglioramento lo vedo,ma quest adipe addominale no ha nessuna intenzione di abbandonare il mio corpo😂😨…hai qualche dritta da darmi?grazie😉

    Mi piace

    Rispondi
    1. Max Arrighetti Autore articolo

      Ciao Ele, non esiste una strategia universale per lo stubborn fat, vale a dire per il grasso ostinato. Sicuramente la restrizione calorica non è la strada giusta. Devi periodizzare la dieta, alternando periodi di massa a periodi di definizione. Ovviamente intendo di fare tutto con i numeri alla mano ed il plicometro sull’addome ogni settimana.

      Per consolarti voglio dirti che perdere il grasso nei punti critici è dura per tutti.

      Se vuoi che ti segua scrivimi ed una mano, studiando una strategia a tavolino, te la do volentieri.

      Ciao

      Max

      Mi piace

      Rispondi
      1. Francesca

        Max , mi piacerebbe tu mi seguissi. Sia da un punto di vista alimentare che di allenamento. E’ possibile farlo a distanza e allenandomi a casa?

        Mi piace

  3. Lara

    Ciao Max! Ho letto tutto l’articolo e prima di tutto ti voglio fare i complimenti per la chiarezza dei discorsi. Io ho un problema con la ritezione idrica e leggendo quello che hai scritto,ne parli e come soluzione suggerisci l’aumento della massa muscolare. Io attualmente sto prendendo degli integratori alimentari (un drenante e un bruciagrassi) per favorirne la scomparsa. È utile o meno? Devo dire che ho avuto dei risultati come una diminuzione della massa grassa. Ovviamente il tutto è correlato ad un’alimentazione adeguata e sana e a attività fisica costante (5 giorni alla settimana). Ti ringrazio in anticipo!

    Mi piace

    Rispondi
    1. Max Arrighetti Autore articolo

      Ciao Lara, il brucia grassi alza il cortisolo quindi è bandito. Peggiore la situazione. Il drenante funziona, se l’alimentazione è ottima e se ti alleni bene 😉

      Mi piace

      Rispondi
  4. Jillian

    Ciao Max, io seguo già tutto questo e la mia ritenzione idrica non accenna a diminuire. Bevo tantissimo, alzo pesi importanti (almeno in base al mio fisico li ritengo importanti), facevo HIIT (adesso mi sono un po’ scocciata), ho una dieta fatta dal nutrizionista, eppure la ritenzione è sempre lì! che devo fare 😦

    Mi piace

    Rispondi
    1. Max Arrighetti Autore articolo

      Jillian impossibile indovinare. Dovrei dedicare qualche ora allo studio del tuo caso parlandoti su skype, facendo dei test, capendo esattamente TUTTO quello che fai, e solo a quel punto potrò darti una risposta. La settimana prossima sarà online il sito http://www.fitness femminile.com e se vorrai potrò seguirti direttamente. Buona serata

      Max

      Mi piace

      Rispondi
  5. Veronica

    Ciao Max, una cosa non ho capito. Ci puoi indicare la frequenza cardiaca massima che dovremmo raggiungere nella fase di picco e durante quella di recupero?
    Se non ho capito male con un HIIT bisognerebbe muoversi al di sopra e al di sotto della soglia anaerobica. Quindi questo si traduce in una percentuale di lavoro del 75-85% (fase di recupero) e 85%-92% (picco) per soggetti allenati? I “beginner” come si devono regolare?
    Grazie mille!!

    Mi piace

    Rispondi
    1. Max Arrighetti Autore articolo

      Veronica il 99% degli atleti al mondo spinge come se non ci fosse un domani nella fase di lavoro e ritorna al punto di partenza camminando o recupera a tempo (10-20-30) secondi in quella di riposo. Nessuno guarda il cardio frequenzimetro. Usa uno schema a tempo tipo un tabata. Non complicarti la vita, davvero 😉

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...